Berti Antichità

Caricamento dei contenuti in corso...

 

× Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies Accetto

Antiquariato

Nella parola Antiquariato si racchiude il vasto mondo dell'antichità

Spesso il termine Antiquariato viene abusato e attribuito anche a oggetti recenti, precisiamo che in alcuni paesi e su alcuni siti troverete che un oggetto di Antiquariato è tale se ha più di 50 anni, in realtà nessun Antiquario (a meno che si parli di decò o modernariato) prenderebbe mai in considerazione un mobile tanto recente.

Quindi possiamo dire che un oggetto di Antiquariato sia esso un Cassettone Antico, Armadio Antico, Quadri Antichi non devono avere meno di 100 anni, è necessario precisare però che l'età non è l'unico valore che un ogetto deve possedere infatti un mobile senza nessun valoro artistico resta tale anche se vecchio di 100 o 150 anni, l'età da sola non basta quello che rende prezioso un mobile antico è la qualità della manifattura, il pregio dei materiali impiegati e la rarità, queste sono le caratteristiche che danno valore all'oggetto antico.

Queste poche righe non hanno la pretesa di essere esaustive soprattutto in una materia vastissima come l'Antiquariato, dove per ogni categoria di prodotto quadri antichi, mobili antichi, sculture antiche e quant'altro non basterebbe un libro formato gigante a racchiuderne la vastità dell'argomento.

Antiquariato ed arte
acquistare investendo


Il mobile Listrato

Mobile Listrato - Berti Antiquariato

La tecnica di listrare i mobili ha inzio nella prima metà del 1600 La produrzione in quantità più importanti si ha nel periodo Luigi XV il Re Sole e in seguito continua nel periodo Luigi XVI fino al XIX SEC

Il mobile listrato è il mobile Elegante Lucidato a gomma lacca,filettato e intarsiato o in radica, il fusto di questi mobili veniva fatto in legni dolci ad esmpio in Veneto veniva impiegato il legno Abete nell'italia del sud veniva impiegato il Pioppo,mentre in francia del nord il Rovere e in quella del sud l'Abete.
I legni dai quali veniva ricavata la lista erano molto pregiati, il palissandro ,il legno noce,il ciliegio, il bois de violet e altri legni esotici.

In alcuni mobili addirittura veniva usata anche la madreperla,sui mobili listrati venivano fatte dei veri propri mocaici,un esepio è questa toilette Fracese che è un vero capolavoro con questo intarsio di di fiori.

Orologio Impero

Orologio Impero - Berti Antiquariato

Alcune informazioni degli orologi impero, in quel periodo tra il 1820 e il 1830 ne sono stati realizzati di tante forge tutte ispirate ai temi greci, romani dività pagane come Venere con gli amorini, Apollo con la lira o semplicemente a quattro colonne con capitelli più o meno cesellati.

Tutto nell'architettura, pittura e arti decorative di quel periodo rievocava i fasti dell'impero, ma quello che più contraddistingue l'autentica qualità di questi orologi è il tipo di doratura al mercurio, questa si riconosce dalla particolare brillantezza satinata e dalla leggerezza di questo tipo di doratura, che una volta conosciuta non la dimentica.

Un' altra caratteristica di questo tipo di orologi è la sospensione a filo che durerà fino al 1826, che poi diventerà sospensione con filo di acciaio detta Brocot prendendo il nome dal suo inventore.



La tecnica del cloisonnè

La tecnica del cloisonnè - Berti Antiquariato

La tecnica del cloisonnè è molto antica i primi reperti risalgono al XIII secolo a.C. nonostante sia una tecnica molto complessa è stata praticata in tutte le culture.

Da Bisanzio, dove intorno al XII SECOLO raggiunse il massimo del suo fulgore, attraverso la "via della seta" è stata introdotta in Cina e da qui in giappone.
Cloisonnè è un termine che deriva dal francese cloison, ovvero "tramezzo, parete divisoria" si indica un processo di smaltatura, su una base di metallo sulla quale si fissano dei fili metallici i quali dividono la superficie in piccole sezioni,queste dopo essere state riempite di smalto vengono levigate e lucidate.

La tecnica del clisonnè è giunta in Giappone verso la metà del XV secolo inizialmente veniva usata per il decoro di monumenti o edifici successivamente viene impiegata per il decoro di spade di rappresentanza e oggetti cerimoniali,la vera smaltatura cloisonnè,cioè che ricopre interi oggetti cominciò nel1838 con kaji Tsunekichi che analizzando la produzione cinese creò un proprio stile,tanto che fu riconosciuto ufficialmente come produttore di opere a tecnica cloisonnè.
In questo periodo formò allievi che ebbero grandi riconoscimenti,uno di questi è stato Kaisuke che applicò la tecnica del cloisonnè alle porcellane.